News

Scopri il mio nuovo libro

Login Form

Fitoterapia nelle parassitosi intestinali

Gli studi clinici sugli effetti degli oli essenziali[1] sostengono l’efficacia dei fitopreparati a base di aglio (l'aglio ha un potenziale germicida) e di una formulazione ayurvedica immunomodulante chiamata Pippali Rasayana (pepe lungo indiano + zenzero e pepe nero). Sono numerose le evidenze cliniche dell’efficacia dell’uso delle erbe nella cura e prevenzione delle parassitosi.

Pippali Rasayana è stato somministrato alla dose di 1 g per via orale tre volte al giorno per un periodo di 15 giorni ai pazienti, soprattutto affetti da giardiasi. Questi studi[2] hanno fornito la prova clinica dell’efficacia della loro utilizzazione. Unendo gli interventi nutrizionali agli agenti fitoterapici si realizza una sinergia di sicura efficacia. Ma non bisogna credere di poter debellare i parassiti in quindici giorni perché le larve che restano in circolo possono re-infestare continuamente il soggetto. Queste erbe debbono diventare consuetudini nelle abitudini alimentari.

Oli essenziali di Santoreggia, Timo arbustivo, e Origano, come quelli di Menta piperita e Lippia graveolens (origano messicano) sono risultati efficaci nella lotta alla giardia[3].

 Un altro rimedio efficace è il Tanaceto. Si può proporre al bambino una tisana preparata con 3-4 grammi di semi interi lasciati pochi minuti in infusione in acqua bollente. La tisana va bevuta a digiuno una volta al giorno per 5 giorni.

Un altro rimedio ancora è un decotto a base di aglio e di chiodi di garofano da assumere una volta al giorno per 10 giorni.



Anche la Propoli, un prodotto delle api, ha guadagnato popolarità nella medicina alternativa. I suoi effetti profilattici e terapeutici sono stati valutati sperimentalmente.  L’utilizzo della propoli come profilassi ha mostrato una significativa riduzione dell'intensità dell'infezione. Nel trattamento oggetto di studio[4] ha dato una diminuzione molto significativa della proliferazione delle cisti di giardia, migliorando la risposta infiammatoria a livello intestinale. La terapia combinata con il farmaco ha mostrato un'efficacia maggiore nel ridurre il conteggio del numero di parassiti di quello ottenuto utilizzando ciascun farmaco da solo. Infatti l’uso combinato con la propoli provoca un equilibrio immunologico, così come è stato dimostrato dalle modificazioni del profilo dei linfociti T, ripristinando l’omeostasi intestinale.

Un potente aiuto nella profilassi può venire anche dall’uso della curcuma[5]. Le radici delle specie vegetali Curcuma (Zingiberaceae) sono state utilizzate per secoli nella cucina indiana e nella medicina tradizionale orientale come rimedio "onnipotente". Le molecole estratte dalla Curcuma hanno dimostrato di possedere una vasta gamma di proprietà farmacologiche contro la proliferazione maligna, i disturbi ormonali, l’infiammazione, e le parassitosi. Gli studi hanno dimostrato l'attività antiparassitaria delle molecole della curcuma contro i  parassiti  tropicali Plasmodium, Leishmania, Trypanosoma, Schistosoma e più in generale contro altri più comuni parassiti internazionali (nematodi, Babesia, Candida , Giardia, coccidi e Sarcoptes).

È importate ricordare che i parassiti vivono in ambiente acido, quindi  un aiuto può venire da basificanti naturali come la zeolite che ha anche proprietà disintossicanti, chelanti ed immunostimolanti.

 

 



[1] Hawrelak J, Giardiasis: pathophysiology and management, 2003 May;8(2):129-42, Altern Med Rev. 

 [2] Yakoob Jet Al., In vitro sensitivity of Blastocystis hominis to garlic, ginger, white cumin, and black pepper used in diet, 2011 Aug., Parasitol Res. 

 [3] Machado M1, et Al.,Effects of essential oils on the growth of Giardia lamblia trophozoites, 2010 Jan;5(1):137-41. Nat Prod Commun.

[4] Abdel-Fattah NS1Nada OH., Effect of propolis versus metronidazole and their combined use in treatment of acute experimental giardiasis. 2007 Aug;37(2 Suppl):691-710. J Egypt Soc Parasitol. 

[5] Haddad M1Sauvain MDeharo E., Curcuma as a parasiticidal agent: a review.  2011 Apr;77(6):672-8. doi: 10.1055/s-0030-1250549. Epub 2010 Nov 23, Planta Med.