News

Scopri il mio nuovo libro

Login Form

MICROBIOMA, INFIAMMAZIONI, MODIFICAZIONI EPIGENTICHE E AUTISMO

Le principali condizioni mentali quali l'autismo, il disturbo bipolare, la schizofrenia e il disturbo depressivo grave, sono condizioni debilitanti che hanno diverse eziologie complesse. Recenti scoperte mostrano che l'innesco e lo sviluppo di queste problematiche non possono essere determinate da un gene. Un approccio alla malattia lo hanno invece proposto i ricercatori del Laboratorio di Nutrizione e  Metabolismo, Beth Israel Deaconess Medical Center, dell’Harvard Medical School, di Boston, nel Massachusetts.

I ricercatori hanno confermato che l’innesco clinico di queste condizioni invalidanti deriva dalla disregolazione di un gran numero di geni. Anche se è molto probabile che ci sia il coinvolgimento di molti geni, tuttavia la regolazione e l'attivazione o la riduzione della regolazione e il silenziamento di questi geni da parte dei fattori ambientali svolge un ruolo cruciale nel contribuire alla patogenesi. 

Gran parte di queste interazioni possono essere modulate da cambiamenti epigenetici. 

Simili alle mutazioni genetiche, le modificazioni epigenetiche come la metilazione del DNA, l'alterazione degli istoni e interferenze di RNA possono influenzare l'espressione genica e possono quindi causare i cambiamenti comportamentali e neuronali che si osservano nei disturbi mentali. 

Fattori ambientali come la dieta, il microbiota intestinale e le infezioni hanno un ruolo significativo in queste modificazioni epigenetiche. Gli studi dimostrano che i nutrienti bioattivi e il microbiota intestinale possono alterare la metilazione del DNA e le firme epigenetiche dei marcatori istonici attraverso una varietà di meccanismi. Infatti, i microbi all'interno dell'intestino umano possono svolgere un ruolo significativo nella regolazione di vari elementi dell’ "asse intestino-cervello", attraverso la loro influenza sulle citochine infiammatorie e la produzione di peptidi antimicrobici che influenzano l'epigenoma e attraverso il loro coinvolgimento nella generazione di acidi grassi a corta catena, nella sintesi delle vitamine e nell'assorbimento dei nutrienti. Inoltre possono partecipare alla produzione di molti neurotrasmettitori comuni. In questa revisione gli autori hanno considerato le potenziali interazioni tra dieta, microbioma gastrointestinale, infiammazioni e alterazioni epigenetiche nei disturbi che hanno caratteristiche fino ad oggi ritenute di competenza esclusivamente psichiatrica.

© 2017 Wiley Periodicals, Inc.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28691768

https://clinical-epigenetics.imedpub.com/dysbiosis-of-gut-microbiome-and-its-impact-on-epigenetic-regulation.pdf

https://www.scienzanatura.it/cose-lautismo/